Vai al contenuto della pagina

Concorso "Graziano Deiana"

Con il Concorso “Graziano Deiana” la Regione Autonoma della Sardegna intende promuovere la realizzazione, da parte degli studenti degli Istituti Secondari di II grado, di progetti sperimentali su temi importanti che durante le varie edizioni hanno visto come obiettivo la valorizzazione del territorio, della diversità e del dialogo interculturale; la conoscenza e riflessione sul fenomeno dei cambiamenti climatici e sull’incremento dei flussi migratori delle popolazioni più vulnerabili; la sensibilizzazione, l’informazione e la diffusione di maggiore consapevolezza sul fenomeno della tratta di esseri umani, del grave sfruttamento e della riduzione in schiavitù.

Il concorso ripone particolare fiducia nel valore delle giovani generazioni quali soggetti capaci di generare nuove forme di comunicazione, nuovi ordini relazionali, nuove prospettive, nuova ricchezza umana, morale e intellettuale. I giovani possono sentirsi protagonisti del proprio contesto storico e sviluppare, senza allarmismi e reticenze, la propria personale vocazione al ragionamento critico, all'agire, al dialogo, al confronto. La scuola, intesa come luogo capace di saper cogliere e accompagnare le ansie, le incertezze, le curiosità, la voglia di conoscenza dei giovani che si guardano attorno per prendere le misure con quella realtà della quale sono parte integrante, è una scuola che sa essere locale e globale, che offre gli strumenti per leggere la complessità della realtà contemporanea e occasioni educative per sperimentare il valore della diversità, che ricerca l’universalità del bene per realizzarlo nella quotidianità, che sa evolvere rapidamente come i suoi stessi studenti e la realtà che li circonda.

L’iniziativa, avviata nel 2018 e giunta ormai alla quarta edizione 2021-2022, mira alla creazione e al potenziamento di occasioni d’incontro finalizzate a favorire la socializzazione e l’integrazione tra migranti, studenti, famiglie e cittadinanza.

Le proposte progettuali selezionate sono finalizzate a realizzare le seguenti finalità:

- Sensibilizzare, formare e informare sui temi dei diritti umani, delle minoranze e delle
migrazioni nella prospettiva di favorire una maggiore comprensione della storia contemporanea,
del contesto internazionale attuale e delle relazioni che intercorrono tra povertà, sviluppo, cambiamento
climatico e ondate migratorie.

- Contrastare linguaggi e atteggiamenti razzisti, classisti e discriminatori che rafforzano
stereotipi e pregiudizi verso lo straniero, promuovere empatia e una riflessione condivisa sull’esclusione.

- Promuovere un atteggiamento che, superando ogni divisione unilaterale dei problemi, avvicini alla
intuizione di valori comuni pur nelle differenze culturali e religiose.

- Favorire nel migrante la conoscenza del contesto territoriale di riferimento, della sua storia,
delle sue tradizioni, delle regole che dettano il vivere comune al fine di favorirne il senso di appartenenza
e di comunità.

- Favorire l’incontro, la coesione sociale, la socializzazione e la cooperazione tra gli studenti, i
migranti e la cittadinanza.